Search for content, post, videos

Il microbiota ci salverà!

Il microbiota intestinale l’anello di congiunzione fra intestino, cervello e sistema immunitario.

Un intestino sano è alla base di una buona salute e di un’ottimale resistenza alle malattie! Affinché un intestino sia sano è fondamentale che abbia un microbiota equilibrato, integro e in ordine!

Ma cos’è il microbiota???
Un microbiota si riferisce a una complessa comunità di microrganismi che può essere composta da lieviti, archaea, funghi, virus e batteri. I batteri sono i più abbondanti, quindi spesso per praticità si fa una “scorciatoia” tra microbiota e batteri. Definito dagli scienziati un “super-organismo”, il microbiota è composto da un numero di batteri pari a 6 volte il totale delle cellule che compongono l’intero corpo umano e da almeno quattro milioni di tipi di batteri diversi. Per esser corretti dovremmo parlare di microbioti, infatti l’uomo non ospita uno ma diversi microbioti. In effetti, non si trovano gli stessi microrganismi in tutte le regioni del corpo e la loro proliferazione dipende totalmente dal loro luogo di alloggio. Fonte delle sostanze nutritive, condizioni di umidità, presenza o assenza di ossigeno, sono alcuni fra i fattori che influenzano la natura dei microrganismi in grado di proliferare in una determinata area del corpo piuttosto che in un’altra. Troviamo quindi tra gli altri un microbiota cutaneo, un microbiota delle vie orofaringee, un microbiota vaginale e un microbiota intestinale.

FOCUS sull’ecosistema intestinale
Il microbiota intestinale umano è l’insieme di microrganismi simbiontici che si trovano nel tubo digerente dell’uomo e che garantiscono la corretta funzione e la salute dell’intestino e del sistema immunitario.
Tutti questi microrganismi vivono in comunità ma interagiscono anche con le nostre cellule: esiste un equilibrio costante e dinamico tra queste popolazioni la cui abbondanza relativa può evolversi costantemente. La dinamica della popolazione che forma microbioti deriva dalle interazioni con l’ambiente. Possiamo avere accesso a una grande maggioranza del nostro microbiota intestinale attraverso le nostre feci (campioni fecali).
Tra il 1995 e il 2005 sono stati avviati progetti di sequenziamento del DNA su larga scala per il nostro microbiota. Hanno reso possibile stabilire le mappe del microbiota ospitate sul nostro corpo e dei geni che portano. Vari metodi di biologia molecolare e sequenziamento sono stati usati per sviluppare “metagenomi” che rappresentano tutte le sequenze di tutti i genomi dei batteri di un ecosistema. Pertanto, il metagenoma intestinale ha reso possibile stabilire un catalogo di geni batterici rappresentativi degli individui in base al loro stato di salute, alla loro genetica, alla loro dieta e alle loro condizioni di vita.
Si ritiene che il microbiota di un individuo sia unico come le sue impronte digitali!

Le attività biologiche che preservano l’omeostasi e la fisiologia derivano dalle attività delle cellule umane, dal microbiota e dalle loro interazioni costanti e reciproche. Ad esempio, le funzioni del tratto digestivo (digestione, protezione contro gli agenti patogeni) sono fornite dalle nostre cellule ma anche dai batteri. Il microbiota intestinale garantisce così un gran numero di funzioni biologiche che contribuiscono alla nostra salute. Collabora con le nostre cellule per garantire la digestione di molti alimenti, la protezione contro le infezioni e la maturazione del nostro sistema immunitario acquisito e innato. Il microbiota intestinale può anche contribuire alle funzioni extra-intestinali, producendo molecole che inducono una reazione biologica e che possono agire a distanza, anche a livello cerebrale.

Perché farselo amico ?
Questi batteri svolgono funzioni essenziali per la nostra vita! Favoriscono la biodisponibilità di alcuni nutrienti e la metabolizzazione delle calorie, sintetizzano diverse vitamine, regolano l’espressione del sistema immunitario nella mucosa intestinale, sostengono la peristalsi intestinale e infine proteggono la mucosa intestinale – e dunque l’intero organismo – dalle aggressioni di microrganismi patogeni, prevenendo così la comparsa di molte infezioni.
Inoltre è stato anche studiato un possibile legame fra le infiammazioni croniche dell’intestino e malattie neurologiche come l’autismo, la schizofrenia, la depressione; malattie metaboliche, diabete, obesità, problemi di autoimmunità. Per esempio, se un’infiammazione della parete intestinale viene provocata da alcuni alimenti o da sostanze tossiche, viene modificata la permeabilità della parete intestinale e si creano delle “fessure” attraverso le quali i batteri intestinali, insieme ad altre sostanze presenti nell’intestino, possono attivare il sistema immunitario, fino ad arrivare a zone distanti del corpo, come il cervello, scatenando problemi infiammatori.

Come tenerlo in buona salute ?
Fattori dello stile di vita, che vanno dalle nostre diete moderne cariche di zuccheri e additivi, all’abuso di farmaci come antibiotici (presenti anche nei nostri alimenti), antiacidi, steroidi, terapia ormonale sostitutiva e altri possono avere effetti indiscriminati sull’equilibrio del nostro microbiota. Anche il semplice atto di sanificare eccessivamente può spazzare via per sbaglio i batteri buoni e quelli cattivi.
La buona notizia è che nulla è irreversibile! Poiché il nostro microbiota cambia e cambia continuamente, possiamo giocare un ruolo fondamentale nel plasmarlo positivamente in vari modi: dai cibi che mangiamo, agli integratori che assumiamo e agli stili di vita attorno cui gravitiamo.

Ecco alcuni consigli per modificarlo in meglio:
1 • Aggiungi alimenti fermentati alla tua dieta; pensa a yogurt, miso, kimchi, crauti e kombucha. Se non ne hai mai sentito parlare, prova. Sono facili da produrre e caricati con batteri vivi che possono avvantaggiare il tuo microbiota.

2 • Evita assunzione di farmaci indiscriminata come automedicazione, ma affidati al tuo medico di base o specialista di fiducia! Gli antibiotici presenti nel cibo o assunti come tali per terapie antibatteriche, possono ridurre il numero di batteri simbiotici che ottimizzano la tua salute e tengono sotto controllo i batteri patogeni.
In casi selezionati è utile una terapia antibiotica rivolta contro specie batteriche patogene, ma sarà il medico a valutarne la necessità.

3 • Prova un integratore a base di probiotici. I probiotici sono progettati per integrare i batteri buoni e possono anche aiutare ad aumentare la regolarità intestinale, promuovere una risposta immunitaria sana, garantire un adeguato assorbimento dei nutrienti dall’assunzione giornaliera di cibo e persino supportare una funzione mentale ed emotiva più equilibrata.

4 • Aggiungi prebiotici alla tua dieta in modo da poter nutrire i batteri buoni nell’intestino e aiutarli a proliferare. Alimenti ricchi di fibre come kiwi, verdure e cereali integrali possono influire positivamente e colmare eventuali lacune dietetiche.

5 • Fai un respiro profondo. Hai appena imparato molto sul tuo microbiota, ma c’è ancora molto da scoprire. Mentre continui a scoprire come funziona esattamente il tuo corpo, puoi migliorare le tue possibilità di benessere generale e vivere giorni più sani.

Esiste inoltre una possibilità terapeutica: il trapianto di microbiota fecale, che consiste nel somministrare una sospensione batterica, preparata a partire da feci di un individuo sano, tramite sondino o clistere. Questo permette di impiantare ex novo un microbiota normale in un individuo malato. Questa opzione è già utilizzata e efficace nelle infezioni da Clostridium difficile. L’intestino è l’interfaccia tra l’organismo e l’ambiente esterno, essendo il principale luogo di contatto tra self e non self. Prendiamoci cura di quest’organo meraviglioso, che troppo spesso snobbiamo o maltrattiamo!


Dott.ssa Silvia Caboni Medico Chirurgico Specializzata in Allergologia,  Immunologia Clinica e Allergologia Pediatrica • Via Enrico Costa, 35 • Cagliari  • Tel. + 39 340.99.93.900

 

Condividi: