Search for content, post, videos

Gian Mario Migliaccio

Ci sono sfide a cui è necessario dedicare tutto: tempo, energie, impegno.

Ex nuotatore, un dottorato di ricerca nelle aree della fisiologia dello sport ed i percorsi universitari in Scienze dello Sport e Scienze della Nutrizione, lo sa che funziona così. Ci si prova, all’inizio, a non prendere direzione alcuna al bivio. E infatti, per anni, Migliaccio si è diviso tra la passione – che ha indirizzato il suo percorso accademico – e una vita professionale alternativa. Poi, dopo anni nel settore del marketing e della comunicazione con esperienze di lavoro all’estero, la svolta: è la passione, con tutti i rischi, le incognite, ma anche le soddisfazioni, a diventare professione su cui investire tutto.

Gian Mario Migliaccio, Direttore Scientifico di Sport Science Lab. > Sport Scientist per atleti di livello Internazionale. Opera a livello internazionale applicando metodi “Evidence-Based” all’allenamento degli Atleti di Elite. > Autore / coautore di oltre 100 studi scientifici pubblicati su Riviste e presentati ai Congressi Internazionali su Sport Science & Medicine. > Ha un Network personale di 85 ricercatori Internazionali.  > Abilitato quale Professore Universitario di Seconda Fascia dal Ministero dell’Università e Ricerca (ASN2016).  > Ex atleta agonista di livello nazionale  ed internazionale negli sport natatori.  (FIN, FIPSAS).

Gian Mario Migliaccio- Direttore Scientifico di Sport Science Lab

Oggi Gian Mario Migliaccio è coordinatore del team di ricerca Sport Science Academy e gestisce una pagina Internet che ha oltre centomila followers: un esercito di adepti, che segue i suoi corsi sulla scienza applicata allo sport. Il target è proprio quello di applicare il metodo scientifico, ‘evidence based’, alla pratica sportiva: allenamenti studiati per garantire i risultati prefissati in tempi certi. “Non ci si affida all’opinione – spiega Gian Mario Migliaccio – tutto il processo parte da valutazioni funzionali (mediche e fisiologiche) e si sviluppa con un programma di allenamenti che lavora sulle debolezze e sui punti di forza dell’atleta: sprint, spinta, fase aerobica o anaerobica, tempi di recupero”. La sfida più entusiasmante? Migliaccio ne cita una, ma solo per spiegare a chi ha penna e taccuino la portata di un lavoro che sposta sempre più avanti la soglia delle prestazioni sportive: “Prima delle Olimpiadi del 2016 – racconta Migliaccio – ho seguito un gruppo di atleti ucraini. L’obiettivo era quello di portarne a Rio almeno uno e, alla fine, se ne sono qualificati cinque”. Bandito, dunque, il ‘fai da te’, che avvilisce chi lo fa perché non ottiene i risultati che si prefigge. Per riuscire nell’impresa del massimo livello di prestazione, declinato nelle diverse discipline sportive, nulla è lasciato al caso: allenamenti, nutrizione, processi emotivi e comportamentali. Il problema è che, pur non mancando le professionalità, lo sport in Italia soffre ancora di una certa approssimazione: “Rispetto ad Australia, Stati Uniti, Regno Unito, Cina, siamo indietro di 25 anni almeno”. E, tra gli altri fattori, che minano le buone pratiche di settore, c’è senza dubbio una minore predisposizione al sacrificio, rispetto al passato, che lo sport richiede”.

Per dare gambe al progetto, che un anno e mezzo fa ha dato vita alla start up “Sport Science Lab”, Gian Mario Migliaccio è partito dal basso, affidando alla Rete la divulgazione del metodo ‘evidence based’. Sarà per le doti comunicative, sarà perché il metodo funziona, sta di fatto che Migliaccio ha conquistato la Rete e, al di fuori della realtà virtuale, anche gli addetti ai lavori che affollano i suoi incontri in giro per l’Italia: “Da settembre a dicembre 2017 ho toccato 50 città – racconta – e conto di organizzare meeting in altre 80 ‘piazze sportive’ da maggio sino a ottobre di quest’anno”. Due le fondamenta su cui poggia il successo del progetto dello studioso che sposa sport e ricerca: la serietà del metodo, basato su dati e pubblicazioni scientifiche, e la sua divulgazione (facile, pratica, chiara). I professionisti del settore – allenatori, nutrizionisti, personal trainers  – possono avvalersi della consulenza ‘one to one’ del team di Migliaccio. I contenuti on line sono invece gratuiti e costantemente aggiornati.

Gian Mario lavora da quando aveva 16 anni, sempre in proprio. Ha lavorato nel campo della pubblicità, comunicazione e marketing. Ma ha sempre studiato quello che è la sua passione, fino al dottorato di Ricerca in Scienze dello Sport. è stato atleta agonista nel Nuoto per oltre 15 anni.  Ha avuto esperienze internazionali emozionanti lavorando per anni in Cina, Ucraina, Russia, Malesia e UK. Dal 2016 ha fatto una scelta radicale: dedicare tutto il suo tempo alla divulgazione del “metodo scientifico” allo Sport e Fitness. Una cosa nuova in Italia, già vecchia nel Mondo. Ha avuto l’abilitazione a Professore Universitario di Fascia II dal Ministero dell’Università e Ricerca, ma non lavora nelle Università. Lavora nel privato, da sempre. Lo trovi tante volte anche su PubMed, con numerosi studi, ed ha diretto laboratori di ricerca con l’effettuazione di test di valutazione funzionale a circa 600 atleti di 23 discipline sportive diverse con centinaia di progetti di ricerca completati. Ha due splendidi figli. Lo trovi su facebook dove, giorno dopo giorno dedica il 98% del suo tempo alla divulgazione, gratuita, con un video al giorno. Il restante 2% è dedicato ai professionisti che lo seguono e che con lui stanno costruendo il loro futuro, tenendosi aggiornati su evidenze scientifiche, sempre più efficaci nel loro lavoro nella Sport Science Academy.


di Redazione ShoppingMag

Condividi: